martedì 24 gennaio 2017

La millenovecentottantesima mia notte mi ha consigliata di lasciarti in pace, di non salutarti più, di pensarti solamente per i cazzi miei, di cercarti tra i ricordi in voce, in lettera, nelle immagini.
E le ho dato retta.
Le tue notti, invece, sanno farsi bene i cazzi loro.

Nessun commento: