sabato 22 settembre 2012

Nevrotica

Ho adottato un topo di fogna come animale domestico barra compagno di scorribande passeggiate solitudini, solo che non trovo il collare ed il guinzaglio della taglia di quel cazzo di collo di sorcio.
Ho preso l'abitudine di nutrirmi di lecitina di soia che aggiunta alle mie gallette faranno di me una persona sana priva di colesterolo e infinitamente sterile e priva di colore.
Indosso bracciali di un acciaio di uno strano acciao e divento nera/verde sulla pelle e allora mi dicono che non sto poi tanto bene ma io so che il motivo è un altro: io sono femmina da platino. O da alluminio visto che porto una gruccia al dito anulare come fede nuziale. Un filo girato e rigirato una quindicina di volte tante quante le mie storie. Storie del cazzo. Storie di compagnie. Botte. Scopate. Viaggi.
Devo fare pratica di pompini quella è un'arte che va sempre raffinata/affinata/affilata e quando dovrò sposarmi dovrò potare in dote la mia bocca da pompino è essenziale è vitale per non perdere quel povero disgraziato di maschio che deciderà di adottare una bisbetica/cuoca/troia/barista/infermiera/sarta/stiratrice/segretaria per il resto della sua lodevole vita (si fa per dire).
Mi manca quel culo fatto a cuore di dio spalmato sul tappeto.
Mi manca tutto adesso.
Voglio una ciotola di riso bollito col peperoncino e andarmene a dormire e risognare un suo sms dove mi dice che ha il cazzo duro. Dove mi chiede di correre da lui per dar pace al suo tormentato cazzo.
Sono stanca non di lavorare o di vivere. Sono stanca di non essere mai stanca.
Se volete trovarmi cercatemi tra gli scaffali dei detersivi di un grande supermercato ad annusare sapone di marsiglia.
Ho voglia di lavarmi mi faccio tanto ma tanto schifo.
Mi hai sparato in vena tanta fiducia e adesso mi sembro una tossica in crisi d'astinenza.
Ti chiedo scusa se non riesco a dirti in faccia che sei perfido. Che lo so. Che lo so che lo sai.
Che non mi amerai mai.
Sei contento quando scrivo? Allora ti faccio contento. Ho scritto. Non ti amo più.
Così sei contento di più.
Prima di rivelare quello che senti accertati di chi sei e quando sei certo di ciò che sei non rivelarti mai ma quando lo fai non pentirtene mai. Mai.

11 commenti:

sbracu ha detto...

Pensaci tesoro, io nella mia gioventù ho perso quasi 5 anni della mia vita, considerato che avevo trovato una donna più grande di me che me la dava senza problema e quando mi faceva uno squillo io correvo a soddisfare le sue voglie io ero convinto di amarla e di essere amato invece no, ero un banale strumento della sua lussuria me ne sono accorto troppo tardi ....
Ciao

Dea ha detto...

niente è perso. chi dice non fosse amore?
ciao!

sbracu ha detto...

Il tempo lo ha detto e io ne ho pianto le conseguenze mi sono rimaste tutte quelle trombate che hanno un sapore acido al mio alato

Dea ha detto...

mmm non sono d'accordo.

Estrella_Marina ha detto...

Sei proprio bella Dea quando scrivi queste cose, tu non ti vedi ma io sì.

Kamala ha detto...

ti capisco...

Milk ha detto...

"Ti capisco", in questo momento, nel mio caso, è solo un pallido riflesso di ciò che sento leggendo questo post. Ma non mi faccio mica tanto schifo, sai?
In quanto a pompini, conta pure su di me per qualche ripasso. ;-)

Dea ha detto...

@Estrella, bella perché la bellezza è la crudezza? io non mi vedo, per niente è vero. se lo dici tu, però, io ci credo. bacio.

@Kam, beata te, io non capisco nessuno!

Milk, sei un porco assatanato e ti prendo in considerazione. (se tu non fossi così frocio io potrei amarti tanto:D)

Bad Hands ha detto...

deuzza cara... se la situazione ti costringe ad adottare un sorcio dell'aniene.... io penserei ad un sono vaffanculo e non se ne parli più... crudo eh? ma reale e leale... bacio!

Dea ha detto...

uhm. non hai capito.

Dea ha detto...

Hands il sorcio è del tevere io non voglio un sorcio burino. :D